Che cos’è una rete di carte di credito? Definizione ed esempi

Che cos'è una rete di carte di credito?  Definizione ed esempi

Una rete di carte di credito autorizza, elabora e imposta i termini delle transazioni con carta di credito, nonché trasferisce i pagamenti tra acquirenti, commercianti e le rispettive banche. 

Comprendi come vengono elaborate le transazioni di pagamento e dove è (o non è) accettata la tua carta per ottenere il massimo dai tuoi acquisti di plastica. 

Che cos’è una rete di carte di credito?

Quando tocchi, tocchi o scorri la tua carta di credito per effettuare un acquisto in negozio o inserisci il numero della tua carta online, stai richiedendo che l’emittente della carta paghi il commerciante. Ma quel pagamento deve prima passare attraverso una rete di carte di credito.

Le reti di carte di credito trasmettono informazioni tra la banca acquirente del commerciante e una banca emittente o emittente della carta (l’istituto finanziario che ti ha emesso una carta per conto di una rete come Mastercard o Visa) per decidere se puoi effettuare un acquisto o meno e per facilitare il Acquista.

Nota: le reti Visa e Mastercard coprono carte di credito, carte di debito, carte di debito prepagate e carte regalo. La rete American Express include solo carte di credito, carte regalo e carte di debito prepagate, mentre la rete di Discover include carte di credito e carte di debito tramite il suo conto corrente cashback.

Come funzionano le reti di carte di credito

Sebbene queste reti di pagamento operino dietro le quinte, il processo è abbastanza semplice. Di seguito è riportato un esempio passo passo della funzione di una rete di carte di credito quando si utilizza la carta per effettuare un acquisto. 

  1. Per pagare un taglio di capelli di $ 50, fai scorrere o immergi la tua carta nel sistema POS (Point-of-Sale) di Lola’s Hair Salon, utilizzando un visto bancario ABCD. 
  2. Il POS di Lola trasmette i dati della tua carta e l’importo in dollari alla banca di Lola (la banca acquirente). 
  3. Quella banca invia quindi la richiesta alla rete della tua carta, Visa.
  4. La rete Visa quindi “parla” elettronicamente con l’emittente della carta, ABCD Bank, per determinare se approvare o rifiutare la transazione.
  5. ABCD Bank approva la transazione e la rete ritrasmette l’approvazione al sistema POS di Lola. L’emittente della carta ti addebita $ 50 per la transazione e la banca di Lola riceve $ 50 (meno le commissioni). 

L’intero processo è veloce e si svolge in pochi secondi.

Tipi di reti di carte di credito

Esistono quattro società principali che fungono da reti di carte di credito per l’elaborazione dei pagamenti:

  • Visa : questa è solo una rete di pagamento; cioè, non emette carte di credito direttamente ai consumatori, anche se vedrai apparire il logo Visa su molte carte per identificare la loro associazione con la rete di pagamento della carta. Visa sovrintende anche ai vantaggi Visa Signature associati a determinate carte di credito, come i privilegi di auto a noleggio premium ei vantaggi dell’hotel.
  • Mastercard : Ancora una volta, questa è solo una rete di carte di credito. Ma ha la sua suite di protezioni e vantaggi per le carte, come la protezione dal furto di identità e le garanzie estese.
  • American Express : American Express è una rete di carte di credito ed emittente di carte che emette carte di credito ed elabora i pagamenti per le carte che portano il suo logo. Offre anche vantaggi per i titolari di carta come l’assicurazione di viaggio.
  • Scopri : è sia una rete di carte che un emittente di carte che offre vantaggi come l’assicurazione di collisione secondaria di auto a noleggio.

Suggerimento: quando fai acquisti in un nuovo negozio o in un luogo sconosciuto, verifica in anticipo quali reti di carte di credito sono accettate. Considera l’idea di tenere più carte (e diverse) da reti di carte diverse, o semplicemente vecchi contanti, nel tuo portafoglio in modo da avere sempre un’opzione di pagamento di riserva. E tieni presente: le carte di credito dei negozi al dettaglio possono funzionare su reti di carte di credito più piccole, limitandoti a fare acquisti con la tua carta solo in quei negozi.

Perché la rete della tua carta di credito è importante

La rete di pagamento utilizzata dalla tua carta è importante perché i commercianti non sono tenuti ad accettare carte di credito da ogni rete di pagamento. Un negozio di alimentari o un distributore di benzina possono accettare carte di credito Mastercard o Visa ma non American Express o Discover. E se viaggi, le reti di carte all’estero possono variare da quelle a cui sei abituato negli Stati Uniti.Se spendi abitualmente denaro presso gli stessi commercianti o hai più carte di credito che operano in reti di carte diverse, potrebbe non essere un problema. Ma se hai intenzione di viaggiare al di fuori degli Stati Uniti e hai solo carte di una rete come American Express, visualizza le mappe online dei luoghi di accettazione sul sito web della rete di carte.

Le banche acquisitrici sostengono commissioni interbancarie e altre commissioni per elaborare i pagamenti con carta, quindi i commercianti a volte scelgono e accettano le reti di carte di credito in base al costo. Le tariffe variano, ma alcune reti sono più costose da utilizzare per i commercianti rispetto ad altre. American Express, ad esempio, tende ad addebitare commissioni più elevate rispetto ai suoi concorrenti. Se un rivenditore tiene d’occhio i profitti, può scegliere di accettare pagamenti solo su reti di carte a basso costo. Questo potrebbe essere un risparmio di denaro per loro ma scomodo per te. 

Punti chiave

  • Una rete di carte di credito gestisce l’autorizzazione e l’elaborazione delle transazioni con carta di credito.
  • Queste reti trasferiscono le informazioni tra le banche acquirente ed emittente per facilitare le transazioni.
  • Ci sono quattro principali reti di carte di credito e la rete in cui opera la tua carta determina con chi e dove puoi effettuare transazioni con una carta di credito.

Paga prima i prestiti agli studenti o le carte di credito

Paga prima i prestiti agli studenti o le carte di credito

I prestiti agli studenti e le carte di credito sono due dei tipi di debito più diffusi e due dei più difficili da rimborsare. Concentrarsi su un debito alla volta è il modo più efficace per estinguere più debiti. Usando questa strategia, farai grandi pagamenti forfettari su un solo debito specifico e pagamenti minimi su tutti gli altri. Capire se pagare prima i prestiti agli studenti o le carte di credito può essere difficile.

Prima di lavorare per estinguere in modo aggressivo entrambi i tipi di debito, assicurati di essere aggiornato sui pagamenti su tutti i tuoi conti. Non ti avvantaggia ignorare completamente i pagamenti su un debito in modo da poter ripagare l’altro. Non solo rimanere indietro danneggerà il tuo punteggio di credito, ma renderà anche più difficile recuperare e pagare il tuo account.

Per valutare se pagare prima i prestiti agli studenti o le carte di credito, metteremo i debiti l’uno contro l’altro in alcune importanti categorie di rimborso. Il “perdente” in ogni categoria ottiene un punto. Il debito con il maggior numero di punti alla fine è quello che dovresti pagare per primo. Questi sono i fattori di rimborso da considerare:

  • Conseguenze del mancato pagamento
  • Possibilità di cancellazione del debito
  • Flessibilità di rimborso
  • Facilità di recuperare i saldi scaduti
  • Il costo a lungo termine del debito
  • Saldi totali
  • Facilità di prendere in prestito anche con debiti

Conseguenze del mancato pagamento

Sia i prestiti agli studenti che le carte di credito sono un tipo di debito non garantito. Ciò significa che non ci sono garanzie collaterali legate al debito come con un mutuo o un prestito auto. Se rimani in ritardo con i tuoi pagamenti, il creditore o il prestatore non può riprendere possesso automaticamente delle tue proprietà per soddisfare il debito. C’è un’eccezione ai prestiti studenteschi federali. In alcuni casi, i rimborsi fiscali federali possono essere trattenuti per soddisfare i prestiti studenteschi federali inadempienti.

Il mancato pagamento su entrambi i tipi di debito influirà sul tuo punteggio di credito. Dopo diversi mesi di mancati pagamenti, il creditore o il prestatore può assumere un esattore di terze parti per perseguire il debito. Puoi essere citato in giudizio per debiti scaduti e la causa potrebbe comportare una sentenza contro di te. Con la sentenza, il tribunale può concedere un pignoramento salariale o un’imposta bancaria. Questo percorso di raccolta può avvenire con carte di credito scadute o pagamenti di prestiti studenteschi.

Il verdetto : la possibilità di ottenere rimborsi fiscali peggiora leggermente il mancato pagamento dei prestiti agli studenti. I prestiti agli studenti ottengono un punto in questo round.

Il punteggio : Prestiti studenteschi: 1, Carte di credito: 0

Possibilità di annullare il debito

Una delle maggiori differenze tra i prestiti agli studenti e le carte di credito è la relativa facilità di estinzione del debito in caso di fallimento. È possibile che il debito del prestito studentesco venga estinto in caso di fallimento, ma l’onere della prova è più duro. 

Devi dimostrare che il pagamento del debito ti farebbe vivere un tenore di vita inferiore al minimo, che non sei in grado di effettuare pagamenti per una parte significativa del tuo periodo di rimborso e che hai già provato (senza successo) a lavorare un piano di pagamento con il tuo prestatore. Questo livello di prova non è solitamente necessario per far estinguere il debito della carta di credito in caso di fallimento.

Alcuni prestiti agli studenti possono beneficiare di programmi di remissione che annulleranno in parte o tutto il debito. Questo tipo di cancellazione del debito non è disponibile con le carte di credito. In alcuni casi, gli emittenti di carte di credito possono annullare una parte del saldo dovuto come parte di un accordo transattivo negoziato.

Tuttavia, questi tipi di accordi di transazione non sono comuni, sono dannosi per il tuo credito e in genere vengono stipulati solo con conti di carte di credito scaduti. Se il tuo account è in regola, l’emittente della carta di credito non intratterrà un accordo transattivo.

Il verdetto : i prestiti agli studenti possono essere condonati e estinti in caso di fallimento (in determinate situazioni). Le carte di credito perdono questa categoria poiché le uniche opzioni per cancellare il debito – fallimento e regolamento del debito – sono entrambe dannose per il tuo punteggio di credito.

Il punteggio : prestiti agli studenti: 1, carte di credito: 1

Flessibilità di rimborso

Le opzioni di rimborso del prestito studentesco sono molto più flessibili di quelle disponibili per le carte di credito. Gli istituti di credito hanno spesso più piani di rimborso che puoi scegliere in base alla tua capacità di pagare. Ad esempio, la maggior parte degli istituti di credito offre un piano di rimborso basato sul reddito che può variare in base alle entrate e alle spese. Tolleranza e differimento sono anche opzioni che il tuo istituto di credito può offrirti se non sei in grado di effettuare i pagamenti o se ti iscrivi di nuovo a scuola.

Le carte di credito hanno un pagamento minimo basso che devi effettuare ogni mese per mantenere la tua carta di credito in regola. Facoltativamente, puoi pagare più del minimo per pagare il saldo prima.

Se non puoi permetterti il ​​pagamento minimo con carta di credito, non hai molte opzioni. Alcuni emittenti di carte di credito offrono programmi di disagio che riducono il tasso di interesse e il pagamento mensile.

Sfortunatamente, questi programmi sono spesso disponibili solo se sei già rimasto indietro con i pagamenti. La consulenza sul credito al consumo è un’altra opzione per la gestione dei pagamenti con carta di credito. Tuttavia, puoi salutare le tue carte di credito (almeno temporaneamente) se entri in un piano di gestione del debito con un’agenzia di consulenza creditizia.

Il verdetto : i prestiti agli studenti hanno più opzioni di rimborso tra cui scegliere a seconda della propria situazione finanziaria. Poiché le carte di credito hanno opzioni di rimborso meno flessibili, dovresti prima pagarle.

Il punteggio : prestiti agli studenti: 1, carte di credito: 2

Recuperare i saldi scaduti

Hai più opzioni per recuperare il ritardo sui pagamenti dei prestiti studenteschi scaduti. Il tuo prestatore potrebbe essere in grado di applicare retroattivamente la tolleranza al tuo account e sostanzialmente annullare tutti i tuoi pagamenti precedentemente persi.

L’istituto di credito potrebbe anche essere in grado di aggiungere nuovamente l’importo scaduto al prestito e ricalcolare i pagamenti mensili. Anche se questo può significare pagamenti mensili più alti, ti fa prendere.

Una volta che sei rimasto indietro con i pagamenti con carta di credito, in genere dovrai pagare l’intero saldo scaduto per riportare il tuo conto corrente. Inoltre, una volta che l’account della tua carta di credito è stato addebitato, non è possibile ripristinarlo e continuare con i pagamenti. In caso di inadempienza del prestito studentesco, il tuo istituto di credito potrebbe consentirti di riabilitare il prestito per ripristinarlo.

Il verdetto : poiché è più difficile recuperare i saldi delle carte di credito scaduti e gli emittenti di carte di credito sono meno indulgenti, dovresti prima sbarazzarti di questi saldi.

Il punteggio : prestiti agli studenti: 1, carte di credito: 3

Quale debito costa di più

I tassi di interesse delle carte di credito sono in genere superiori ai tassi di interesse sui prestiti agli studenti, il che significa che questo debito è più costoso. Ad esempio, un prestito studentesco di $ 10.000 al 6,8% di TAEG pagato in 20 anni costerebbe $ 8.321 di interessi. Un saldo di una carta di credito di $ 10.000 al 17% di TAEG pagato in 20 anni costerebbe $ 25.230 di interessi! E questo presuppone che entrambi i tassi di interesse rimangano fissi per quel periodo di tempo. Il costo degli interessi a lungo termine aumenta se i tassi di interesse aumentano.

Può esserci un certo vantaggio nel pagare il debito del prestito studentesco: i vantaggi fiscali. Gli interessi sui prestiti studenteschi sono una detrazione fiscale superiore al limite, il che significa che puoi prendere la detrazione anche se non dettaglia le detrazioni. Il tuo preparatore fiscale e può darti maggiori informazioni su come gli interessi sui prestiti studenteschi possono beneficiare delle tue tasse.

Gli interessi della carta di credito non sono deducibili dalle tasse a meno che tu non abbia utilizzato una carta di credito esclusivamente per le spese di istruzione. Dovrai tenere registri dettagliati su come hai utilizzato la tua carta di credito e l’importo degli interessi che paghi ogni anno.

Il verdetto : le carte di credito costano più interessi e non vi è alcun vantaggio aggiuntivo nel pagare gli interessi. Le carte di credito perdono questo.

Prestiti agli studenti : 1, Carte di credito: 4

Importo totale di ogni debito

In genere è più facile saldare i saldi della carta di credito perché probabilmente sono inferiori ai saldi dei prestiti agli studenti. Se vuoi eliminare rapidamente i debiti, concentrarti sul ripagare la tua carta di credito ti consentirà di chiudere rapidamente alcuni conti. In questo modo, hai meno pagamenti da effettuare ogni mese.

Il verdetto : quando si tratta della dimensione del debito, è un pareggio poiché dipende dall’entità del saldo con ciascun debito. Nessuno dei due debiti ha senso.

Il punteggio : prestiti agli studenti: 1, carte di credito: 4

Come i finanziatori percepiscono il debito

Il debito del prestito studentesco è spesso considerato un “debito buono” perché il debito del prestito studentesco può indicare un investimento nel tuo futuro. Indica che hai ottenuto un livello di istruzione che ti consentirà di guadagnare di più. Quando stai cercando un nuovo prestito o una nuova carta di credito, il debito del prestito studentesco non conterà tanto contro di te quanto il debito della carta di credito, che è considerato un debito inesigibile.

Questo non vuol dire che il debito del prestito studentesco non ti farà mai del male. È possibile avere una quantità così elevata di debiti per prestiti studenteschi da non potersi permettere alcun obbligo di prestito aggiuntivo. Tuttavia, i prestatori sono un po ‘più indulgenti con il debito del prestito studentesco che con il debito della carta di credito quando si tratta di approvarti per prestiti importanti come un mutuo o un prestito auto.

Il verdetto : le carte di credito perdono questo round poiché è più difficile ottenere l’approvazione per nuove carte di credito o prestiti con debito della carta di credito.

Il punteggio : prestiti agli studenti: 1, carte di credito: 5

Quale debito dovresti pagare per primo

Rispetto alle carte di credito, l’unico motivo per estinguere prima i prestiti studenteschi è evitare un inadempimento del prestito che può comportare il rimborso delle tasse. Tuttavia, quando si tratta del costo del debito, delle opzioni di rimborso e di altri fattori importanti, pagare le carte di credito è più vantaggioso. Una volta eliminato il debito della carta di credito, puoi applicare tutti i pagamenti per eliminare i prestiti agli studenti.

Strategie di investimento in fondi comuni alternativi

Strategie di investimento in fondi comuni alternativi

I fondi alternativi sono fondi comuni di investimento, o fondi negoziati in borsa (ETF), che investono in titoli non tradizionali, come immobili, materie prime e prestiti con leva. Questi fondi non sono generalmente appropriati per la maggior parte degli investitori, ma possono essere utilizzati come strumenti di diversificazione se utilizzati correttamente.

I fondi comuni di investimento alternativi possono essere un modo intelligente per accedere a titoli di investimento non tradizionali. Tuttavia, prima di investire in fondi alternativi, gli investitori dovrebbero fare ricerche approfondite per determinare se questi tipi di investimento sono appropriati per loro.

Definizione di fondi alternativi

Il termine “fondi alternativi” si riferisce generalmente a fondi comuni di investimento, hedge fund o ETF (Exchange Traded Funds) che investono in titoli di investimento non convenzionali, che possono essere ampiamente classificati come titoli diversi da azioni, obbligazioni e contanti. I fondi alternativi possono investire in immobili, prestiti, materie prime e titoli non quotati, come opere d’arte o gioielli.

Strategie di investimento in fondi alternativi

I fondi alternativi sono più comunemente usati per strategie di diversificazione del portafoglio perché la performance degli investimenti alternativi ha tipicamente una bassa correlazione con quella degli indici di mercato generali, come l’indice S&P 500. Alcuni fondi alternativi possono avere strategie di investimento mirate, il che significa che investono in un’area, come le materie prime. Altri fondi alternativi possono investire in una gamma di investimenti alternativi.

Nota: le strategie di fondi comuni di investimento alternativi tendono ad essere più complesse delle strategie di fondi comuni di investimento convenzionali.

Ad esempio, i fondi alternativi possono investire in titoli facilmente comprensibili, come derivati, valute o obbligazioni in sofferenza. I fondi alternativi possono anche cercare di ottenere rendimenti superiori alla media di mercato oppure possono cercare di ottenere rendimenti “neutrali di mercato” o “assoluti” utilizzando una combinazione di strategie lunghe e corte.

Prima di investire in fondi alternativi

Ecco alcune cose da considerare prima di investire in fondi alternativi:

Rischio di mercato

Poiché i fondi alternativi investono in titoli non tradizionali, gli investitori devono essere consapevoli che le fluttuazioni dei prezzi possono essere maggiori rispetto ai titoli tradizionali, come azioni e obbligazioni.

Spese

A causa della loro natura, i fondi alternativi tendono ad avere spese più elevate rispetto a quelle della maggior parte dei fondi comuni di investimento e degli ETF. Ad esempio, i costi di gestione possono essere elevati (sopra l’1,50% di rapporto di spesa) per i fondi alternativi a causa della ricerca approfondita e degli alti livelli di negoziazione (fatturato) rispetto al fondo comune di investimento medio a gestione attiva.

Struttura

Poiché i fondi alternativi in ​​genere non hanno una struttura legale chiara, il contenuto dei loro portafogli potrebbe non essere sempre chiaro per l’investitore. Fai del tuo meglio per conoscere l’obiettivo e le partecipazioni del fondo. Dovresti anche capire cosa sono le partecipazioni e come funzionano nei mercati dei capitali. 

Gestore del fondo

Poiché la maggior parte dei fondi alternativi è gestita attivamente, è importante sapere chi gestisce il fondo. Assicurati che il gestore abbia anni di esperienza e abbia una comprovata esperienza in termini di prestazioni associate al fondo che stai considerando.

Cronologia delle prestazioni

La performance passata non è garanzia di risultati futuri, ma può darti un’idea di cosa aspettarti dal fondo. Cerca rendimenti a lungo termine di almeno cinque anni ed evita fondi con storie più brevi. Inoltre, sii cauto nell’investire in fondi alternativi con ampie oscillazioni della performance (massimi e minimi estremi).

Investimento minimo

Molti fondi alternativi hanno investimenti iniziali minimi, ad esempio $ 10.000 o superiori, oppure possono richiedere all’investitore un patrimonio netto di almeno $ 1 milione prima di investire.

Conclusione sull’investimento in fondi alternativi

I fondi alternativi non sono per tutti gli investitori. In genere hanno un rischio di mercato più elevato, spese più elevate e investimenti iniziali minimi più elevati rispetto al fondo comune o ETF medio. Gli investitori che desiderano diversificare possono ottenere risultati simili costruendo un portafoglio con fondi in diverse categorie, capitalizzazione e attività. Possono anche diversificarsi in aree mirate, come i settori industriali.

Gli investitori possono anche scegliere fondi comuni di investimento o ETF che incorporano titoli o strategie alternative nei loro portafogli. Sebbene i fondi alternativi non siano necessari per la diversificazione e non siano necessari per ottenere rendimenti che superano le medie di mercato generali, possono essere utilizzati correttamente se l’investitore fa attenzione e fa le proprie ricerche prima di investire.

Prestiti in contanti di emergenza: cosa devi sapere

Prestiti in contanti di emergenza: cosa devi sapere

I contanti di emergenza possono provenire da diversi luoghi. Idealmente, hai un fondo di emergenza costituito, quindi dovrai solo prendere in prestito da te stesso. In caso contrario, potrebbe essere necessario un prestito in contanti di emergenza. Ci sono modi per trovare denaro quando si verifica un disastro. Tuttavia, devi istruirti su quale strada potrebbe esporti al minimo rischio.

Prestiti bancari e cooperative di credito

Una banca o un’unione di credito dovrebbe essere la tua prima scelta se stai ricevendo un prestito per coprire le spese di emergenza. Altri istituti di credito potrebbero promettere denaro veloce e facile approvazione, ma queste promesse spesso hanno un costo, in genere tassi di interesse elevati e condizioni sfavorevoli. Puoi ottenere prestiti in contanti di emergenza dalla banca in vari modi:

  • Un addebito sulla carta di credito emessa dalla banca
  • Un prestito di equità domestica
  • Una linea di credito azionaria domestica (HELOC)
  • Un prestito non garantito, noto anche come prestito “firma”

Quando richiedi un prestito, non dimenticare di confrontare le banche con le unioni di credito locali. Potresti ricevere un’attenzione più personalizzata presso un’unione di credito, quindi potresti avere maggiori possibilità di ottenere l’approvazione. Spesso una grande banca guarda solo i dati della tua richiesta di prestito.

I prestiti e le linee di credito per la casa utilizzano il valore che hai accumulato nella tua casa per emettere un prestito. La differenza principale è che HELOC ti consente di prelevare fondi per un determinato periodo mentre il prestito azionario dà i fondi presi in prestito in un’unica soluzione. Tuttavia, fai attenzione perché a volte questi prestiti azionari possono avere tassi di interesse variabili.

I prestiti personali non garantiti sono più difficili da ottenere perché il prestatore non ha nient’altro che la tua firma e la tua stretta di mano per garantire la nota. Questi prestiti avranno solitamente un tasso di interesse più elevato, richiederanno il rimborso in un periodo più breve e probabilmente saranno per un importo in dollari inferiore.

Inoltre, devi capire che prelevare un anticipo in contanti dalla tua carta di credito emessa dalla banca ti costerà più dell’importo preso in prestito. Questi anticipi di cassa addebiteranno interessi e altre spese. Ma, se hai esaurito altre fonti, potrebbero essere un’opzione.

Considera le garanzie collaterali prima di prendere in prestito

Prima di prendere in prestito, pensa attentamente a qualsiasi tipo di garanzia che ti impegnerai a garantire il prestito. La costituzione in pegno di un bene come la tua casa, se utilizzi un prestito di equità domestica o una linea di credito di equità domestica, significa che stai mettendo il rischio sulla tua casa. In caso di insolvenza sulla nota, il creditore può richiedere la tua casa o la parte finanziaria della tua casa pari al prestito. Poiché la banconota è protetta dalla garanzia della tua casa, la banca si assume meno rischi. Quindi, puoi ottenere un prestito per un importo maggiore e spesso riceverai un tasso di interesse inferiore.

Altre garanzie che potresti essere in grado di offrire in pegno includono oggetti come automobili, barche, camper e altri beni. Inizia esaminando i prestiti personali non garantiti e, se necessario, concedi in pegno solo garanzie.

Considera lo scenario peggiore: se questa emergenza si aggrava e non sei in grado di rimborsare il prestito, cosa succede? Mettendo in gioco la tua casa, l’hai messa a disposizione dei tuoi creditori. È meglio prendere in prestito senza mettere a rischio beni importanti (quando questa opzione è disponibile).

Un piccolo aiuto dai tuoi amici

Invece di contrarre debiti per un prestito in contanti d’emergenza, valuta di parlare con la tua rete di amici e familiari. Se hai sofferto di difficoltà, potrebbero essere disposti ad aiutarti. Ovviamente, non offenderti se non ottieni soldi da loro. Darti un prestito può essere più rischioso di quanto possono permettersi di prendere e potrebbero avere problemi di budget propri. Inoltre, ricorda, potrebbero finire con le proprie emergenze ogni giorno.

L’aiuto degli estranei

Potresti anche essere in grado di prendere in prestito da estranei noti come prestiti peer-to-peer (P2P). I siti web di prestito peer-to-peer ti metteranno in contatto con individui, e talvolta istituzioni, disposti a prestare denaro. In molti casi, questi prestiti P2P saranno a condizioni più favorevoli di quelle che troverai in banca.

Payday Loans – Prestiti in contanti di emergenza pericolosi

Se non hai credito e reddito sufficienti per qualificarti per un prestito, il prestito tradizionale potrebbe non essere un’opzione. Come ultima risorsa, i prestiti con anticipo sullo stipendio potrebbero aiutarti a superare i momenti difficili. Ma è impossibile esagerare, i prestiti con anticipo sullo stipendio sono pericolosi e le cose possono facilmente finire male quando li usi.

Hai davvero bisogno di stare attento all’utilizzo di prestiti con anticipo sullo stipendio. Il problema con loro è che molto probabilmente peggioreranno la tua situazione  . Un prestito con anticipo sullo stipendio per contanti di emergenza è come un cerotto: non ti guarirà e prima o poi cadrà. Inoltre, non ti impedirà di raschiarti in futuro.

Ricorda che i prestiti con anticipo sullo stipendio possono facilmente costarti  diverse percentuali di  TAEG. In altre parole, sono prestiti estremamente costosi (e se non avevi il reddito e il credito per qualificarti per un prestito tradizionale, come ripagherai un prestito con anticipo sullo stipendio costoso)?

I prestiti di proprietà sono un tipo simile di prestito ad alto costo. Puoi ottenere un po ‘di denaro, ma rischi di perdere beni importanti come la tua automobile. Se perdi la macchina, perderai la capacità di mettersi al lavoro e guadagnare un reddito?

Alternative di prestito in contanti di emergenza

In definitiva, devi avere un fondo di emergenza. Se non ne hai uno oggi, inizia a crearne uno per il prossimo evento. Inoltre, considera le tue risorse. Puoi vendere qualcosa (o più qualcosa) per coprire i costi di questa emergenza? Questa sarà un’opzione molto migliore che contrarre debiti.

Considera le possibilità. Potresti avere una bella TV, un’auto o un divano che ti piace. Potresti vendere gli oggetti e uscire dall’emergenza relativamente indenne, oppure potresti finire di estinguere i debiti per diversi anni (o più). Se utilizzi un prestito con anticipo sullo stipendio, potresti spendere molto di più di quanto hai preso in prestito (e potrebbe essere più di quanto costa acquistare una TV nuova di zecca).

Come utilizzare il tuo fondo di emergenza e farlo durare

Come utilizzare il tuo fondo di emergenza e farlo durare

In tempi di incertezza finanziaria, avere un fondo di emergenza può aiutarti a rimanere a galla e darti la massima tranquillità.

Poiché è una rete di sicurezza, dovresti usare un fondo di emergenza solo quando hai vere emergenze, come spese mediche, perdita del lavoro o divorzio. Lo shopping natalizio, un acconto per una nuova auto o nuovi elettrodomestici non sono considerati emergenze. Invece, dovresti risparmiare per queste spese separatamente e lasciare i tuoi risparmi di emergenza per i tempi in cui ne hai veramente bisogno.

Per le emergenze prolungate, come le difficoltà finanziarie causate dalla pandemia di coronavirus, la gestione del fondo di emergenza diventa importante per assicurarti di non esaurire i tuoi risparmi prima che la situazione sia migliorata.

Non aver paura di usare il tuo fondo di emergenza per una vera emergenza

“Dopo aver accumulato diligentemente i tuoi risparmi per mesi, persino anni, potresti essere riluttante a toccare effettivamente i tuoi risparmi”, ha detto Ramit Sethi, autore di bestseller di finanza personale del New York Times.

“Un lettore mi ha detto che continuerà a lavorare e si esporrà (e altri) al coronavirus”, ha detto Sethi. “Quando le ho chiesto il motivo, ha ammesso di avere un fondo per le emergenze ma” è troppo preoccupata di usarlo, è per le emergenze “”. 

Questa esitazione è giustificata per acquisti frivoli e non essenziali, ma quando si tratta di utilizzare il denaro in una legittima emergenza, non esitare.

“Con il tuo fondo di emergenza, se lo hai e hai bisogno dei fondi, usalo. Troppe persone si sentono in colpa o hanno paura di usare il loro fondo di emergenza, ma una pandemia globale (per esempio) è esattamente ciò per cui hai risparmiato: un’emergenza “, ha detto Sethi.

Comprendi la tua situazione finanziaria

Quando le circostanze scuotono le tue finanze – ad esempio, il tuo capo ti taglia le ore o perdi il lavoro – la prima cosa da fare è fare l’inventario del tuo fondo di emergenza e di qualsiasi altra liquidità a cui hai accesso.

Se hai ancora un reddito da un lavoro secondario, un’assicurazione contro la disoccupazione o un pacchetto di fine rapporto, potresti semplicemente utilizzare il tuo fondo di emergenza per integrare il tuo altro reddito. Altrimenti, il tuo fondo di emergenza potrebbe dover coprire le tue spese di soggiorno fino a quando non sarai di nuovo completamente occupato.

Se perdi tutto il tuo reddito, considera quanto stai spendendo ogni mese per stimare quanto durerà il tuo fondo di emergenza. Ad esempio, un fondo di emergenza di $ 15.000 durerà cinque mesi se spendi $ 3.000 ogni mese. Il tuo budget mensile o i recenti estratti conto correnti possono darti un’idea della spesa di un mese tipico.

Dopo aver esaminato la tua situazione, potresti essere riluttante a utilizzare il tuo fondo di emergenza a causa del tempo e della disciplina necessari per costruirlo. Tuttavia, ricorda che il tuo fondo di emergenza è pensato per i momenti difficili. È lì, quindi non devi indebitarti, il che estende l’impatto di una grande spesa o di una riduzione del reddito.

Avvertenza: evita opzioni di prestito costose come prestiti con anticipo sullo stipendio, anticipi di cassa e commissioni di scoperto. Questi in genere hanno TAEG a tre cifre (o superiori) e possono essere difficili da rimborsare, anche dopo che il tuo reddito è tornato alla normalità.

Trasferire strategicamente il denaro del fondo di emergenza

Il tuo istinto potrebbe essere quello di trasferire l’intero saldo dai risparmi al tuo conto corrente principale. Tuttavia, così facendo si perde la possibilità di guadagnare un ritorno sul denaro tramite un conto di risparmio o di mercato monetario online, afferma Malik S. Lee, CFP e managing partner di Felton e Peel Wealth Management, Inc.

“Si può massimizzare il proprio rendimento nel mercato odierno utilizzando una banca online, poiché di solito forniscono alcuni dei rendimenti più elevati all’interno dei conti di risparmio e del mercato monetario”, ha affermato Lee.

I migliori conti di risparmio online e conti del mercato monetario di solito guadagnano più dell’1,50% APY. Mentre il rendimento può essere nominale per saldi più piccoli, guadagnare un certo interesse è meglio che non guadagnarne affatto.

Dai la priorità alla tua spesa

Una volta deciso di investire nel tuo fondo di emergenza, dovrai spostare le tue priorità finanziarie per farlo durare. Non puoi essere sicuro per quanto tempo avrai una carenza di reddito, il che significa che non puoi spendere come se avessi uno stipendio fisso in arrivo ogni mese. Ad esempio, se stavi saldando in modo aggressivo il debito della carta di credito, pagare solo il minimo riduce l’importo della spesa mensile complessiva.

Crea un budget

Mentre fai affidamento sul tuo fondo di emergenza, crea un budget di emergenza che si concentri sulla copertura dei tuoi bisogni di base come alloggio e cibo prima di tutto. Spendere il meno possibile quando si verificano difficoltà finanziarie riduce l’importo necessario per prelevare dal fondo di emergenza, consentendo a quei fondi limitati di estendersi ulteriormente. Ciò potrebbe anche significare praticare più disciplina con spese non essenziali. Ad esempio, la famiglia media spende circa 288 dollari al mese per mangiare fuori. Tagliare questa spesa può liberare i soldi necessari per pagare beni essenziali come servizi pubblici, gas e generi alimentari.

Importante: cerca assistenza finanziaria dove è disponibile prima di rimanere indietro con i pagamenti. Alcuni istituti di credito possono offrire opzioni di difficoltà – tolleranza, pagamenti differiti o pagamenti minimi inferiori – che ti danno una tregua dal tuo obbligo mensile.

Regola la spesa in base al tuo flusso di cassa

Se stai ancora ricevendo uno stipendio o stai ricevendo benefici come la disoccupazione, assicurati di regolare non solo quanto spendi, ma quando spendi. Se in genere acquisti generi alimentari di lunedì ma la tua retribuzione o i vantaggi arrivano di mercoledì, potrebbe essere utile acquistare generi alimentari il giovedì per assicurarti di non superare il tuo account.

Quello che viene dopo?

La tua crisi, non importa quanto grande o piccola, non durerà per sempre. Quando il tuo reddito torna alla normalità, puoi iniziare a concentrarti di nuovo sul lungo termine e iniziare a reintegrare il tuo fondo di emergenza. Continuare le tue abitudini di spesa ridotte, almeno per alcuni mesi, lascerà un po ‘di spazio nel tuo budget per contribuire regolarmente al risparmio. Inoltre, considera di destinare il tuo prossimo rimborso fiscale ai tuoi risparmi di emergenza.

Una volta che ti sarai rimesso in piedi, potresti dover aggiungere un concerto laterale per ricostituire il tuo fondo di emergenza. Lee ha consigliato di aggiungere un lavoro part-time temporaneo come Uber o di affittare una stanza tramite Airbnb per riportare il tuo fondo di emergenza dove deve essere.

Perché utilizzare la carta di credito per le emergenze è rischioso

Perché utilizzare la carta di credito per le emergenze è rischioso

Avere una carta di credito da utilizzare in caso di emergenza sembra una buona idea. Se ti trovi in ​​difficoltà, ad esempio la tua stufa deve essere sostituita o hai bisogno di una riparazione importante della macchina, puoi pagarla con la tua carta di credito. Ma dipendere da una carta di credito per coprire spese impreviste non è la migliore mossa finanziaria.

Usare una carta di credito in una situazione di emergenza è come ottenere un prestito

Sta affermando l’ovvio, ma pensa a cosa significa. Significa che stai chiedendo un prestito per coprire una spesa di emergenza perché non puoi permetterti di pagarlo di tasca propria. Significa che dovrai rimborsare i soldi.

Se non puoi permetterti di ripagarlo tutto in una volta, significa che dovrai pagare gli interessi. Se non avessi già pagato mensilmente con questa carta di credito, avresti un’altra spesa mensile da adattare alla tua spesa corrente.

Se hai una carta di credito, è meno probabile che tu cerchi altre soluzioni in caso di emergenza

Avere una carta di credito come fondo di emergenza può renderti pigro. Potresti non cercare la soluzione fai da te, o negoziare un prezzo più basso, o guardarti intorno per un prezzo migliore perché ritieni di avere già una soluzione praticabile: la tua carta di credito.

E se spendessi denaro dal tuo fondo di emergenza invece di usare la tua carta di credito? Probabilmente vorresti trattenere quanto più denaro possibile, quindi probabilmente proveresti a trovare alternative più economiche per risolvere il tuo problema.

Utilizzare una carta di credito per pagare le emergenze ti mette a rischio di indebitarti

Tecnicamente, sei già in almeno un po ‘di debito una volta che hai messo un saldo sulla carta di credito. Ma effettuare un addebito su una carta di credito, anche in caso di emergenza, può creare uno slancio che porta ad altri addebiti sulla carta di credito e forse più debito di quanto puoi permetterti di rimborsare.

Devi guardarti dalla tentazione di addebitare la carta di credito in aggiunta al tuo saldo corrente e decidere di non effettuare ulteriori acquisti con carta di credito finché non avrai saldato il tuo debito di emergenza.

Una carta di credito inattiva può essere annullata o i limiti possono essere ridotti

Se hai una carta di credito che stai risparmiando per le emergenze, potrebbe essere cancellata dopo diversi mesi di inutilizzo. Oppure l’emittente della carta di credito può ridurre il tuo limite di credito, rendendo più difficile finanziare un’intera emergenza sulla tua carta di credito. Potresti finire per utilizzare il credito disponibile su diverse carte di credito per pagare le tue spese.

Affidarsi a una carta di credito per un’emergenza ti mette in balia dell’emittente della carta di credito, che può decidere o meno di concederti credito sufficiente per la tua emergenza.

Una seconda o terza emergenza può far perdere il controllo alle tue finanze

Non vi è alcuna garanzia che le emergenze si verifichino una alla volta e solo dopo aver comodamente cancellato il saldo della carta di credito dall’emergenza precedente. Sono emergenze, dopotutto; si verificano in modo casuale. Cosa succede se si verifica un’altra emergenza e la tua carta di credito è già esaurita dalla prima emergenza? Il tuo elenco di opzioni si accorcia man mano che aumentano i saldi della tua carta di credito.

Sarà più difficile creare un fondo di emergenza con un saldo della carta di credito

Risparmiare denaro può essere difficile, il che potrebbe essere parte del motivo per cui non hai già un fondo di emergenza. Sarà ancora più difficile creare un fondo di emergenza una volta che effettui pagamenti minimi (o superiori) su una carta di credito. Immagina di avere dei risparmi di emergenza prima dell’emergenza. Quindi i soldi che stai spendendo per un pagamento con carta di credito (e gli interessi) sarebbero tornati nei tuoi risparmi e forse avrebbero guadagnato interessi.

Se non hai abbastanza soldi da risparmiare per coprire le spese impreviste nel momento in cui si verifica l’emergenza, non hai molte opzioni. Quindi, ovviamente, prendere in prestito tramite carta di credito è meglio di molte alternative, come il prelievo in eccesso del tuo conto bancario o la richiesta di un prestito personale.

Puoi essere certo che, nella vita, sorgeranno emergenze finanziarie. Dato che sai che è meglio pagarli di tasca propria, piuttosto che metterli su una carta di credito, ora è il momento di iniziare a costruire un fondo di emergenza.

Potresti non essere in grado di mettere molti soldi nel tuo fondo di emergenza, ma inizia dove puoi; $ 25 o $ 50 al mese si sommano. Stabilisci un obiettivo per i tuoi fondi di emergenza, ad esempio $ 500 o $ 1.000, e lavora per raggiungerlo. Non fermarti qui; il fondo ideale sono sei mesi di spese di soggiorno, quindi rendilo il tuo obiettivo a lungo termine.

Opzioni di prestito personale non garantito e come funzionano

Opzioni di prestito personale non garantito e come funzionano

I prestiti non garantiti ti consentono di prendere in prestito denaro per quasi tutti gli scopi. Puoi utilizzare i fondi per avviare un’impresa, consolidare i debiti o acquistare un giocattolo costoso. Prima di prendere in prestito, assicurati di capire come funzionano questi prestiti e le altre alternative che potresti avere a disposizione.

Nozioni di base sui prestiti personali non garantiti

Un prestatore che ti offre un prestito non garantito non richiederà alcuna proprietà o garanzia per assicurare o garantire il prestito. Con un prestito garantito, come un mutuo ipotecario, il prestito è garantito da proprietà. Se non ripaghi il prestito, il tuo mutuante ha il diritto di vendere la tua casa e di riscuotere ciò che devi dai proventi della vendita. Con i prestiti non garantiti, nulla di specifico è stato costituito in garanzia. Questo li rende un po ‘meno rischiosi per te, il mutuatario, perché le conseguenze non sono così immediate se non riesci a rimborsare.

I finanziatori, d’altra parte, corrono più rischi con prestiti personali non garantiti. Non hanno alcuna proprietà da vendere se non paghi il prestito, ma hanno altre opzioni disponibili se vogliono ottenere il rimborso, come, ad esempio, intraprendere un’azione legale contro di te e tentare di guarnire il tuo stipendio. Poiché gli istituti di credito assumono maggiori rischi sui prestiti non garantiti, generalmente applicano tassi di interesse più elevati rispetto a quelli per i prestiti garantiti.

Il tuo credito è uno dei fattori più importanti per determinare se riceverai un prestito non garantito. Se hai un buon credito, pagherai tassi di interesse inferiori e avrai più opzioni di prestito a tua disposizione. Con un cattivo credito, non avrai tante scelte e potresti aver bisogno di un co-firmatario per ottenere l’approvazione per un prestito. Ogni volta che si richiede un prestito, è una buona idea saperne di più su come funzionano i punteggi di credito.

Tipi di prestito

Gli istituti di credito offrono diversi tipi di prestiti personali non garantiti e ognuno viene fornito con dei compromessi. Cerca il prestito che meglio soddisfa le tue esigenze riducendo al minimo i costi.

Prestito esclusivo: questo è il tipo più elementare di prestito non garantito. Come suggerisce il nome, il prestito non è garantito da nient’altro che la tua firma o la tua promessa di pagamento. Puoi trovare questi prestiti tramite banche e unioni di credito e puoi utilizzare il denaro per qualsiasi scopo desideri. Assicurati solo di essere a conoscenza di eventuali restrizioni che i tuoi istituti di credito potrebbero avere riguardo a come utilizzerai i prestiti per evitare problemi legali.

Questi prestiti sono generalmente prestiti rateali che si ammortizzano nel tempo, quindi prendi in prestito una somma di denaro e la restituisci con un pagamento mensile fisso fino a quando non hai estinto il prestito. Questi prestiti sono una buona scelta se hai un buon credito perché generalmente hanno tassi di interesse relativamente bassi. I prestiti firmati possono anche aiutarti a creare credito in modo che il prestito diventi più facile e meno costoso in futuro. Per ottenere un prestito firmato, comunica alla tua banca che desideri prendere in prestito denaro utilizzando un prestito personale.

Linea di credito personale : una linea di credito personale è un’altra forma di prestito personale non garantito, ma invece di prelevare l’intero ricavato del prestito in una volta, la banca ti approverà per un certo importo che potrai utilizzare e rimborsare secondo necessità. Ad esempio, potresti avere una linea di credito personale non garantita di $ 15.000 e prelevarne $ 5.000 da utilizzare per il pagamento in un progetto di ristrutturazione della casa in corso.

Mentre stai pagando il prestito di $ 5.000, hai ancora altri $ 10.000 disponibili nel caso in cui venga emessa una bolletta inaspettata o di grandi dimensioni, ad esempio. Man mano che si paga il saldo, la linea di credito diventa nuovamente disponibile per l’utilizzo. Paghi solo gli interessi sulla parte della linea di credito che hai preso in prestito e potresti essere in grado di ottenere un tasso inferiore a quello che faresti con un prestito con carta di credito.

Carte di credito come prestiti: l’ uso delle carte di credito è una forma di prestito per molte persone. Quando si utilizza una carta di credito, non si ottiene una somma forfettaria all’inizio del prestito, come si fa con un prestito firmato. Invece, ogni volta che utilizzi la tua carta, prendi effettivamente in prestito tutto ciò di cui hai bisogno ogni volta che ne hai bisogno, come faresti con una linea di credito personale. Se hai bisogno di più soldi in un secondo momento, puoi addebitarne di più sulla carta di credito fino al tuo limite di credito.

Le carte di credito sono una soluzione popolare perché una volta approvata, puoi prendere in prestito denaro praticamente all’istante. Sfortunatamente, pagherai generalmente un tasso di interesse piuttosto alto sulle carte di credito. A volte puoi ottenere un tasso teaser e prendere in prestito allo zero percento per un po ‘, ma alla fine quei tassi finiscono. È facile avere problemi con le carte di credito, trovandosi a pagare centinaia di dollari al mese solo in interessi passivi.

Per utilizzare una carta di credito come veicolo di prestito, controlla la tua casella di posta, che è probabilmente piena di offerte se hai un buon credito. Cerchi anche carte di credito online che offrono offerte a percentuale zero o bassa.

Prestito peer to peer: questo nuovo tipo di finanziamento consente di prendere in prestito da privati, invece di prendere in prestito da un prestatore tradizionale come una banca. Diversi siti Web ti consentono di pubblicare una richiesta di prestito online e le persone hanno l’opportunità di intervenire e finanziare il tuo prestito. Questi prestiti, come i prestiti di firma, hanno generalmente pagamenti rateali a tasso fisso e tassi di interesse competitivi. Ti consentono anche di prendere in prestito una quantità decente. Tuttavia, il tuo punteggio di credito rimane ancora un fattore nella maggior parte dei casi.

Per ottenere un prestito peer-to-peer, prova a visitare uno dei popolari siti di prestito P2P, come Prosper.com o LendingClub.

Prestiti agli studenti : questi prestiti non garantiti offrono finanziamenti per l’istruzione agli studenti. Sono spesso una buona scelta perché i prestiti agli studenti hanno caratteristiche che non puoi trovare altrove, come opzioni di rimborso flessibili, periodi di grazia, abbuoni di interessi e altro ancora. Con alcuni prestiti, non importa nemmeno se hai un buon credito. L’unico problema con i prestiti agli studenti è che devi essere uno studente.

Per ottenere un prestito studentesco, inizia visitando l’ufficio per gli aiuti finanziari nella tua scuola. Le persone in quell’ufficio, che lavorano con questi prestiti ogni giorno, ti guideranno attraverso il processo di completamento dei documenti coinvolti e ti aiuteranno a capire le tue opzioni.

Quale prestito ha senso per te?

Quando esamini le tue opzioni di prestito, decidi quali criteri sono rilevanti per la tua decisione e considera quanto segue:

  • I prestiti agli studenti hanno tassi di interesse ragionevoli e la maggior parte delle persone può probabilmente qualificarsi purché sia ​​iscritta a corsi presso un istituto universitario accreditato. Questi prestiti offrono un periodo di rimborso più lungo e in genere hanno anche un periodo di grazia prima che sia necessario iniziare i pagamenti. Tuttavia, puoi utilizzare questi fondi solo per le tasse scolastiche e le relative spese scolastiche.
  • I prestiti firmati e peer-to-peer offrono fondi a tassi di interesse ragionevoli e potresti essere in grado di trovare tassi di interesse più interessanti attraverso un’unione di credito o la tua banca, soprattutto se hai fondi in deposito. Questi prestiti spesso ti consentono di prendere in prestito da $ 1.000 fino a $ 35.000 con un periodo di rimborso di tre anni. Potresti avere problemi a ottenere l’approvazione se il tuo punteggio di credito rientra nella categoria “equo” o inferiore.
  • Le carte di credito e le linee di credito personali possono fornire fondi a molti mutuatari, sebbene più basso sia il tuo punteggio di credito, maggiore sarà il tasso di interesse che ti verrà addebitato per compensare il rischio di rimborso che rappresenti per i finanziatori. Le persone con un credito da buono a ottimo possono approfittare delle offerte dello zero percento degli emittenti di carte di credito, sebbene queste scadano solitamente dopo 12-18 mesi.

Poiché prendi in prestito e paghi gli interessi solo sull’importo effettivo di denaro che utilizzi, questi prestiti possono essere più attraenti ed economici per la tua situazione personale. Potresti non essere in grado di qualificarti per un prestito più grande se non hai un reddito mensile sufficiente per supportare i requisiti del prestatore.

Opzioni in caso di crediti inesigibili

Ottenere un prestito non garantito quando si ha un cattivo credito può essere difficile, ma non impossibile. Avrai meno scelte e probabilmente pagherai tassi di interesse più alti rispetto a un mutuatario con un buon credito. Se hai difficoltà a prendere in prestito, scopri come ottenere un prestito non garantito con crediti inesigibili. Se è fattibile, trattieni il prestito finché non avrai accumulato il tuo credito fino al punto in cui puoi ottenere prestiti a condizioni più interessanti.

Puoi rafforzare il tuo credito prendendo in prestito e rimborsando i prestiti e anche piccoli prestiti possono fare la differenza. Se attualmente hai un punteggio di credito basso, sii proattivo nel ricostruirlo. Prova un piccolo prestito garantito da contanti in banca per ottenere un po ‘di slancio.

Cosa è inadempiente su un prestito? Definizione ed esempi di insolvenza di prestito

Cosa è inadempiente su un prestito?  Definizione ed esempi di insolvenza di prestito

Inadempienza su un prestito significa che non hai effettuato pagamenti sufficienti per un periodo prolungato. Gli istituti di credito riterranno un prestito inadempiente quando non avrai pagato il pagamento minimo richiesto per un certo numero di mesi consecutivi, come dettagliato nel contratto di prestito.

I default del prestito possono verificarsi con qualsiasi tipo di prestito, sia esso un mutuo, una carta di credito o un prestito aziendale. L’inadempienza su un’obbligazione di prestito è grave e può influire sul merito di credito dell’individuo o dell’azienda inadempiente. È importante comprendere i termini del prestito, come evitare il default e cosa puoi fare se rimani indietro.

Che cosa è inadempiente su un prestito?

Se prendi un debito come un mutuo, il saldo di una carta di credito, un prestito studentesco o qualche altro tipo di prestito personale, firmi un contratto con il tuo prestatore. Questo contratto è un documento legale che ti vincola ai termini in esso indicati.

Il tuo contratto indicherà il periodo di tempo in cui il tuo prestito può essere scaduto (insoluto) prima che diventi insolvente. Questo può variare da un mese per i mutui a 270 giorni per un prestito studentesco. Descriverà anche il ricorso del prestatore in caso di insolvenza del prestito.

Suggerimento: la maggior parte dei contratti di prestito al consumo stabilirà che verrà intrapresa un’azione legale contro di te in caso di mancato pagamento o inadempienza del prestito o del contratto che firmi.

Cosa succede in caso di insolvenza su un prestito?

In caso di insolvenza su un prestito come un prestito personale o una carta di credito, dovrai affrontare le conseguenze, comprese le penali per il ritardo, le procedure di incasso e le azioni legali. Quando si è inadempienti su un prestito garantito come un mutuo o un prestito automobilistico, il prestatore può pignorare la tua casa o riprendere possesso della tua auto. Eventuali inadempienze su un prestito possono portare al sequestro del salario, il che rende molto difficile adempiere ai tuoi obblighi finanziari quotidiani.

Le impostazioni predefinite del prestito verranno visualizzate anche nella tua storia creditizia e si rifletteranno nel tuo punteggio di credito. Il tuo punteggio di credito diminuirà e sarà molto difficile per te ottenere credito in futuro.

Avvertenza: l’ inadempienza su un prestito può avere effetti di lunga durata. Potrebbe essere necessario presentare istanza di fallimento. Le inadempienze dei prestiti agli studenti possono seguirti fino alla pensione abbassando i pagamenti della sicurezza sociale e riducendo gli eventuali rimborsi fiscali.

Di seguito sono riportati solo alcuni esempi di ciò che accadrà in caso di insolvenza su alcuni dei prestiti più comuni.

Inadempienza su una carta di credito

La prima cosa che accadrà se non effettui un pagamento con carta di credito è che dovrai pagare penali per il ritardo ogni mese in cui non effettui un pagamento. Dopo un mese, l’emittente della carta di credito segnalerà il pagamento insoluto alle tre principali agenzie di credito. Dopo aver perso due pagamenti minimi, che generalmente è al segno dei 60 giorni, il tuo tasso annuo effettivo globale (APR) aumenterà. Quando il tuo APR sale, aumenta l’importo dovuto insieme all’importo delle tasse in ritardo.

Più a lungo rimani in stato di default, più il tuo punteggio di credito sarà influenzato. Dopo sei mesi, la società della carta di credito potrebbe addebitare il tuo account e inviarlo alle collezioni. A questo punto, la tua storia creditizia e il tuo punteggio di credito sono gravemente e negativamente influenzati. Potresti essere citato in giudizio o costretto a dichiarare fallimento.

Inadempienza su un prestito studentesco

Inadempienza sui prestiti agli studenti può rendere più difficile ottenere aiuti federali agli studenti in futuro e l’intero saldo del prestito può persino diventare esigibile tutto in una volta. La buona notizia è che i prestatori di prestiti studenteschi sono in genere molto indulgenti quando si tratta di elaborare un piano di pagamento se si diventa disoccupati. Esistono programmi per la remissione del prestito, il differimento del pagamento e la tolleranza.

Inadempienza su un prestito automobilistico

Se salti più di un pagamento, corri il rischio che la tua auto venga riacquistata dall’istituto di credito. Verrà venduto all’asta e se vende per meno del dovuto, sarai responsabile della differenza, più le spese, o probabilmente dovrai affrontare una causa.

Inadempienza su un mutuo

L’inadempienza di un mutuo ti mette in pericolo di perdere la tua casa. Prima che la banca o la società di prestito possa pignorare la casa e sfrattarti, deve presentare un avviso di inadempienza al tribunale. Dopo che questo avviso è stato presentato, puoi stipulare un accordo con il creditore o aggiornare il tuo mutuo pagando i pagamenti insoluti. Se non puoi prendere una di queste opzioni, la casa verrà pignorata e sarai sfrattato. A seconda della legge statale, potresti comunque dover pagare la casa se non viene venduta abbastanza per estinguere il prestito. Potresti anche essere responsabile delle spese.

I dettagli esatti possono variare in base al tipo di prestito, ma in caso di insolvenza di un prestito, gli istituti di credito possono intraprendere una serie di azioni contro di te che possono rovinare il tuo credito e costarti denaro fino al pensionamento.

Default del prestito vs. insolvenza

È importante non confondere il default del prestito con la delinquenza. Sei delinquente su un prestito il primo giorno in cui il pagamento è in ritardo. Questo di solito comporta una penale per il ritardo e potresti perdere altri vantaggi, come il periodo di grazia su una carta di credito. Ma non sei considerato inadempiente fino a quando non sei delinquente per un periodo più lungo, che varia a seconda del tipo di prestito. Le conseguenze dell’inadempienza su un prestito sono molto più gravi dell’essere insolventi.

Cosa fare in caso di insolvenza su un prestito

Piuttosto che andare in default su un prestito, è sempre meglio collaborare con l’istituto di credito per trovare una soluzione. La cosa migliore che puoi fare è contattare il tuo prestatore non appena pensi di avere problemi a effettuare i pagamenti.

In caso di insolvenza su un prestito, tuttavia, è possibile eseguire alcuni passaggi. I prestiti agli studenti federali offrono diverse opzioni per il differimento e la riabilitazione del prestito e questi programmi di pagamento sono generalmente basati sul reddito. I prestatori di mutui ipotecari lavoreranno spesso con te per aiutarti a evitare il pignoramento e le società di carte di credito ti aiuteranno a impostare piani di pagamento.

Se rimani troppo indietro con i tuoi debiti, puoi esplorare misure più drastiche come un programma di consolidamento del prestito o addirittura il fallimento. Queste non sono misure da prendere alla leggera, ma possono fornire un modo per tornare in carreggiata. Assicurati di parlare prima con un avvocato.

Takeaway chiave

  • Quando si è in ritardo sui pagamenti del prestito per un periodo di tempo prolungato, si viene considerati inadempienti sul prestito.
  • Gli esatti effetti dell’inadempienza variano in base al tipo di prestito, ma possono includere danni al punteggio di credito, perdita di determinati beni e difficoltà di ottenere nuovi prestiti in futuro.
  • In caso di insolvenza su un prestito, è necessario esaminare le opzioni di cancellazione del debito e piano di rimborso con il prestatore.

Dovresti usare prestiti bancari per prestiti personali?

Dovresti usare prestiti bancari per prestiti personali?

Quando cerchi opzioni flessibili per il finanziamento quando sei in difficoltà, un prestito personale può essere un buon strumento. Ma i prestiti bancari sono la migliore opzione per i prestiti personali?

Sebbene una banca possa essere un buon posto per cercare un prestito personale, la realtà è che ora sono disponibili altre opzioni. Assicurati di controllare cosa offre la tua banca, ma non escludere alcuni degli altri concorrenti là fuori. Le banche e gli istituti di credito online forniscono una valida alternativa alle banche tradizionali.

Ecco cosa devi sapere quando prendi in considerazione prestiti bancari per prestiti personali.

Pro e contro dei prestiti bancari

Utilizzare una banca per il prestito può fornirti attenzione e accesso personali. Tuttavia, ci sono anche degli svantaggi nell’usare una banca tradizionale per ottenere il tuo prestito personale.

Vantaggi dei prestiti bancari

  • Puoi discutere il prestito e fare domanda di persona, fornendoti un collegamento con l’ufficiale di prestito.
  • Fare domanda presso una banca in cui disponi già di un account potrebbe farti ottenere condizioni e accesso migliori.

Contro dei prestiti bancari

  • I requisiti di credito potrebbero essere più elevati con i prestiti bancari.
  • Potresti pagare tassi e commissioni più elevati, poiché una banca tradizionale di solito ha costi generali associati a mattoni e malta.
  • Potresti non essere in grado di richiedere un prestito o parlare con qualcuno al di fuori del normale orario di lavoro.
  • Potrebbe essere necessario attendere alcuni giorni per una decisione e altri ancora per i vostri soldi.

Se non ti dispiace andare in banca durante il normale orario lavorativo e preferisci l’interazione faccia a faccia che deriva dall’attività bancaria fisica, una banca tradizionale può avere molto senso.

Potresti anche iscriverti a un’unione di credito locale per ottenere l’esperienza personale. Le unioni di credito spesso offrono tassi più bassi, poiché il loro modello di redditività è diverso da quello di una banca.

Pro e contro dell’utilizzo di un prestatore online

Invece di ottenere prestiti bancari tradizionali, potrebbe avere senso rivolgersi a un prestatore online. Sei ancora soggetto a requisiti di credito quando utilizzi un prestatore online, ma i criteri potrebbero non essere così rigidi.

Ecco cosa devi sapere sugli istituti di credito online.

Pro di istituti di credito in linea

  • Puoi richiedere un prestito in qualsiasi momento, poiché l’accesso è 24 ore su 24, 7 giorni su 7 su Internet.
  • Spese generali inferiori possono significare tassi di interesse inferiori rispetto ai prestiti bancari.
  • In alcuni casi, i requisiti di credito sono meno rigidi. Se hai scarso credito, potresti essere in grado di qualificarti per un prestito che può impedirti di rivolgerti a un prestatore di giorno di paga.
  • Spesso le decisioni vengono prese rapidamente e di solito puoi ottenere i tuoi soldi in un paio di giorni.

Contro dei prestatori online

  • Il servizio clienti potrebbe essere limitato. Potresti non essere in grado di chiamare e devi invece accontentarti di chat online o e-mail.
  • I rappresentanti potrebbero non essere sempre così competenti in materia di finanza come si vedrebbe in una banca tradizionale.
  • Devi prestare attenzione ai termini. Alcuni istituti di credito online non sono molto migliori degli istituti di credito con anticipo sullo stipendio.

Se ti piace la comodità e la facilità di usare Internet per gestire le tue finanze e ti senti a tuo agio, un prestatore online può essere un buon modo per ottenere i tuoi soldi rapidamente.

Confronta le tue opzioni

Sia che tu scelga una banca tradizionale o che ti rivolgi a un prestatore online per le tue esigenze di prestito personale, è importante confrontare le tue opzioni. Assicurati di confrontare le mele con le mele considerando i seguenti elementi:

  • Tasso di interesse sul prestito
  • Durata del termine, sia inferiore a un anno che fino a tre anni
  • Importo totale che rimborserai prima che tutte le commissioni e gli interessi siano stati aggiunti
  • Sanzioni che potrebbero derivare se sei in ritardo con un pagamento o inadempienza

In molti casi, è possibile ottenere alcune di queste informazioni compilando un modulo con un prestatore online. L’istituto di credito effettuerà un richiamo morbido del credito e tornerà con le opzioni di prestito. Puoi quindi portare queste opzioni di prestito a una banca tradizionale per vedere se sono disposte a rispettare i termini (o forse anche a offrirti un accordo migliore).

Avvertenza: ricontrolla per assicurarti che l’istituto di credito stia eseguendo un controllo del credito morbido, che non influisce sul tuo punteggio di credito, quando ti fornisce una quotazione del tasso. Quando prendi la tua decisione finale e compili una domanda ufficiale, il prestatore utilizzerà un controllo del credito per verificare le tue informazioni di credito.

Alla fine, devi scegliere l’opzione migliore per la tua situazione e il tuo livello di comfort. In alcuni casi, i prestiti bancari soddisfano le tue esigenze. Ma è importante confrontare tre o quattro opzioni per assicurarti di ottenere la migliore offerta possibile per il tuo prestito personale.

Cosa farà per me un buon consulente per gli investimenti?

 Cosa farà per me un buon consulente per gli investimenti?

I consulenti per gli investimenti gestiscono il denaro. Selezionano le attività finanziarie, come azioni, obbligazioni e fondi comuni di investimento, quindi le acquistano, vendono e le monitorano all’interno del tuo account in linea con i tuoi obiettivi di investimento. I consulenti per gli investimenti hanno generalmente poteri discrezionali sul tuo account: assumendoli, dai loro un’autorizzazione generale a fare trading per te, senza consultarti prima di ogni transazione.

Alcuni consulenti per gli investimenti lavorano in modo olistico, esaminando tutti gli aspetti della tua vita finanziaria e mettendo insieme un piano di investimento completo, una procedura spesso chiamata “gestione patrimoniale”. Altri consulenti per gli investimenti hanno un focus più ristretto, come l’esperienza in azioni che pagano dividendi o obbligazioni municipali. È normale che un consulente per gli investimenti nel settore della gestione patrimoniale assuma consulenti per gli investimenti strettamente focalizzati per gestire alcune parti del portafoglio di un cliente. Coordina i loro sforzi mentre funge da persona di riferimento per il cliente.

Consulenti per gli investimenti vs. Pianificatori finanziari

Sebbene vi siano alcune sovrapposizioni, la consulenza sugli investimenti è diversa dalla pianificazione finanziaria. I pianificatori finanziari si occupano di questioni quali risparmi e budget, mutui e prestiti e assicurazioni sulla vita; quando consigliano sugli investimenti, di solito sono fondi comuni di investimento piuttosto che titoli specifici. Alcuni pianificatori finanziari possono anche essere agenti di cambio e in grado di fare trading per i clienti. Ma raramente hanno potere discrezionale su un account.

Le distinzioni tra i due spesso si confondono perché alcuni consulenti di investimento, in particolare il tipo di gestione patrimoniale, offrono consigli di base sulla pianificazione finanziaria e alcuni offrono una pianificazione finanziaria completa e consulenza sugli investimenti. Come i pianificatori finanziari, i consulenti finanziari devono comprendere i tuoi obiettivi finanziari di base, richiedendo informazioni su quando dovrai utilizzare i tuoi soldi e per cosa li utilizzerai. Devono raccogliere dati personali e finanziari su di te, dedicando del tempo per comprendere la tua tolleranza al rischio, il tuo tasso di rendimento atteso e la tua capacità finanziaria di subire perdite di investimento.

Argomenti da trattare con un consulente per gli investimenti

Un consulente per gli investimenti concentrato sulla gestione patrimoniale discute questioni specifiche durante la strutturazione del portafoglio. In particolare, potrebbe dirti:

  • Su cosa investire
  • Se acquistare azioni o fondi comuni di investimento
  • Se devi investire in fondi indicizzati o fondi gestiti attivamente
  • Quali investimenti utilizzare all’interno dei tuoi conti pensionistici
  • Quali investimenti dovresti possedere in conti non pensionistici
  • Quali rischi sono associati a ogni investimento
  • Quale tasso di rendimento atteso potresti ricevere dal tuo portafoglio
  • Quali tipi di reddito imponibile genereranno i tuoi investimenti
  • Come riorganizzare gli investimenti per ridurre il reddito imponibile
  • Quali tasse dovrai sostenere quando acquisti o vendi investimenti

Consulenti per gli investimenti strettamente focalizzati

A volte potresti aver bisogno dei servizi di un consulente per gli investimenti con un tipo specifico di specialità, anziché uno con un’ottica di gestione patrimoniale complessiva. Qualche esempio:

  • Possiedi molte azioni di una società e devi trovare qualcuno che scriva opzioni o chiamate coperte su queste azioni.
  • Erediti un ampio portafoglio di azioni o obbligazioni e devi trovare qualcuno che ti aiuti a gestire queste attività o venderle.
  • Vuoi creare una scala obbligazionaria per il reddito da pensione e devi trovare un consulente per gli investimenti specializzato nella costruzione di questo tipo di portafoglio.

Come addebitano i consulenti per gli investimenti

La maggior parte dei consulenti per gli investimenti addebita una commissione annuale che è una percentuale delle attività gestite per tuo conto. Questa percentuale è solitamente più alta per i portafogli più piccoli e si restringe man mano che i portafogli diventano più grandi. Un intervallo generale sarebbe del 2 percento all’anno per un account da $ 100.000, ridimensionabile fino allo 0,5 percento all’anno per account che sono $ 5 milioni o più.

Invece di, o in aggiunta a, commissioni di gestione patrimoniale, alcuni consulenti per gli investimenti possono addebitare in uno dei seguenti modi:

  • Una tariffa oraria
  • Una tariffa fissa per completare una revisione del tuo portafoglio esistente
  • Una commissione trimestrale o annuale
  • Una combinazione di commissioni e commissioni

Chiedi sempre ai consulenti per gli investimenti una spiegazione chiara di come vengono compensati. Ogni consulente per gli investimenti è inoltre tenuto a fornire all’utente un documento informativo, redatto in conformità ai requisiti della Securities and Exchange Commission (SEC). Ufficialmente denominata Applicazione uniforme per la registrazione e il rapporto di un consulente per gli investimenti da parte del consulente esente, include una sezione, nota come Modulo ADV Parte 2, che rivela le loro formule di compensazione ed eventuali potenziali conflitti di interesse.

La linea di fondo

Gli stili e le strategie dei consulenti per gli investimenti variano enormemente. In generale, tuttavia, un consulente dovrebbe sempre offrire una descrizione chiara e di facile comprensione del suo approccio di base alla gestione del denaro. Vorrà sapere dove sono tutti i tuoi investimenti e conti, anche quelli che non gestisce, in modo che il tuo portafoglio nel suo insieme abbia un senso, non duplicando né lavorando per scopi incrociati con le altre tue partecipazioni e risorse. Non darà consigli finché non avrà compreso il tuo orizzonte temporale, il tuo livello di esperienza con gli investimenti, i tuoi obiettivi e la tua tolleranza per il rischio di investimento. Più che probabile, a meno che tu non sia un cliente che prospera sul rischio, non suggerirà di investire tutti i tuoi soldi in un singolo investimento strettamente focalizzato, come un pozzo petrolifero in Venezuela.